Papiro: testo, rime e ringraziamenti

Ringraziamenti di laurea, testo del papiro, esempi di frasi in rima, frasi divertenti.
Codice: phdaAhsIPk5





GLI STUDI









Quell’11 febbraio del 96 mentre nevicava
la pats in sala parto a causa tua già urlava.
Fino all’asilo nel lettone, che bella la vita...
finché la patrizia fuori non ti ci ha spedita
e nonostante tutte le lacrime che hai pianto
il cuore di tua mamma non sembrava affranto:
tre lunghe notti insonni le hai fatto passare
ma alla fine col muso ti sei dovuta rassegnare.
Fin dall’asilo già moda dettavi
e le mutande della carica dei 101 sfoggiavi
ogni mattina vestirti era un dramma
mai ti comodava ciò che sceglieva la mamma,
per Filippo infatti dovevi farti bella
con il tuo look da modella.
Già a quei tempi il tuo bel carattere mostravi
e la Nicoletta volentieri picchiavi
sulla rampa ci hai addirittura litigato
e il chewingum sui capelli le hai appiccicato.
Anche al mare volevi avere il controllo:
per te si doveva stare sempre e solo a mollo.
Da bambina in quanti sport ti sei cimentata
ma con nessuno a buon fine è andata.
Dodicenne a calcio volevi giocare
e Isabella ti ha dovuta accompagnare
non andavi molto d'accordo col pallone
Tanto che durasti meno di metà stagione.
Tra pattinaggio, danza, calcio, nuoto
alla fine ci ha pensato il canto a colmare quel vuoto:
dieci lezioni pensavi potessero bastare
per imparare a cantare e a xfactor partecipare,
quante prove si son sorbiti i vicini
perché eri convita di andare ai provini,
in una palestra dell’itis la tua prima e ultima esibizione
e "I belong to you" hai scelto come canzone,
anche quella volta con Laura per le parti quanti cazzotti
ma alla fine le hai lasciato Ramazzotti (CANTA).

è dottoressa in

Alle elementari dalle suore andavi
e invece di pregare le note pigliavi
tra un finto segno della croce e una battuta
ti aggiravi con i pantaloni bassi e la faccia da cazzuta
con Giovanni Martellozzo una storia d’amore avevi
ma la verità è che la Juve era l’unico amore che volevi
Tra i banchi delle medie un grande amore cresceva
tanto che Marco Mion tutta per sé ti voleva
Qualche bacetto e mai niente più giù
infatti da allora il buon Marco non si vede più
Già alle medie non ti si poteva definire molto studiosa
Ma era comunque l’inizio di una carriera fruttuosa…
Per la grammatica avevi una grande passione,
ne è un esempio il plurale di camion e termosifone:
Camii e termi per te si diceva
e la Rossi così quasi un colpo faceva.
Altri problemi arrivavano quando era l’ora di tedesco:
Con la Pesce vi guardavate in cagnesco
Spesso ti veniva a controllare con il suo dito mozzo
Ma dei tuoi compiti per casa c’era solo un abbozzo
Ma altro ti preoccupava tra i banchi di scuola,
Già dovevi sfoggiare la tua indole modaiola!
Nike Silver ai piedi e in testa i tuoi Carrera
Così alla Sarto in cortile giravi fiera.
E chi te l’ha fatto fare
Quella volta dal liceo Mariassunta arrivare
In questa scuola di poveretti
A studiare come dei muletti
Dalle suore te ne potevi stare
A sfoggiare scarpe e borse come ti piace fare
Louboutin Prada Dolce e Gabbana
Quanta ne ha dovuta spendere Riccardo di grana
E nelle foto con la suola rossa all’in su
Per fare vedere quanto Ricca sei tu
Quanto ti piaceva la giliana leccare
D’altra parte era l’unico modo per l’anno passare
“Prof che che bella borsa che ha!
Anche per quest’anno la promozione me la dà?!

Facoltà di Scienze Linguistiche e Letterature Straniere

Università Cattolica del Sacro Cuore



LE ORIGINI

#GIULIACOMBINAGUAI

CADUTE DI STILE



Te ghe un problema coa coordinassion
e ogni dì l’è un rabalton.
In aereo da fashion blogger te voevi montare
ma gnanca el primo scain te si riussia fare:
a squarciagola te ghè urlà “si volaaa”
ma vardè qua a vera pandola.
A padova da vamp te si smontà
e quei da drio sempre se ricordarà
de ti sol dosso smaltà e abbandonà…
Gnanca coi scii te si bona ndare
e par fin na bacchetta te si riussia storsare.
Il 23 luglio to mama se ga sposà
e ti co l’alcol a nosse te si ndà
dentro na carega te te si impiantà
e el vestito te ghe sbregà.

AMORI E PASSIONI

Nel 2012 te ghe incontrà a to dolce metà
che presto a ponta el te ga pozà
in stassion te o ghe conossuo,
e che gran botta de cueo
(no se poe dire el stesso pal conto suo)
Anca se i lampadari crea concorensa
nel vostro rapporto no fa a difarensa.
A passiòn dei viaggi ve accomuna
e insieme ‘ndarissi anca soa luna.
A Pats e Sergio na bestia la ghea za,
ma non contenta Ettore casa te ghe ghè portà,
da ti sicuramente el gà d’aver ciapà
vista a so innata bontà.
Quante volte però come scusa te o ghe usà
come quando a teevision te ghè spaccà
e a colpa a lù te ghe ghè dà...
Fare el detective ze a to vera arte
parchè i cassi tuoi no te si bona de farte,
scondarte qualcosa ze un’impresa
ma casa tua coa pats ghemo trovà l’intesa
e questa ze a sorpresa!!!

Al Malua in do minuti el panico se ga scaenà
e ti idraulico te te si improvisà
anca se aiuto te ghè ciamà
da soea co na docia in man te te si catà
e parfin a finansa a sarare el locae ze rivà.
Quanti ociai gheto dovuo ricomprare
par colpa del to fare?
In Croassia cavandote el capeo
in mare te i ghe lanciai,
a Cuba invesse na onda te i gà ciavai
Pur de no dirgheo a to mama
onn-lain te i ghe ordinai
ma casa no i ze mai rivai,
eora a casteo te i ghe ricomprai
ma de moda ormai i iera passai.
A Parigi quante maedissiòn,
caminare par ti no ze na passiòn
i to pie un mucio de vissighe i gavea
che na vaiza sora proprio no te voea.
A Ibiza divertirte te pensavi de ndare
ma l’autista a to mama te ghe dovuo fare
questo ze stà el pegno da pagare
pa n’altra vacansa scroccare.
Al mare a figa col fenicottero te voi fare
a verità ze che no te si gnanca bona montare,
gnanca el fenicottero co ti pi voea stare
e a largo te ghe dovuo noare
a Pellegrini te ghè vossuo imitare
ma a metà strada te te si fermà sbacare.



E quanto è facile per noi scriverti il papiro
Per quante ne hai fatte dovremmo darti un tapiro.
Come possiamo dimenticare la sera del motivi??
Per spiegarlo non ci vengono neanche fuori aggettivi
Che fine ha fatto quel lavandino?
Sotto al tuo bel sederino
Giammy pensava che avessero sparato
quando invece il lavandino avevi sfondato
C’è volpato che non se lo sa ancora spiegare
E lo sta cercando ancora di riparare
All’università fin Brescia i te ga mandà
par stare casa in tutta tranquillità
ma ancora no ze bastà
parché a metà settimana te ieri zà tornà
tre-quattro giorni soeo a brescia te soggiornavi
parchè te pensavi che casa te mancavi
ma appena te entravi daea porta
za to mama te vardava storta
e quanti schei sta laurea te ze costà,
fra tasse, treni e take away a volontà
sempre più esami a settembre te ghè rimandà
parchè a testa in spiaja te gavei assà
gnanca l’esame de teologia
ze riussio portarte soa retta via.
Pigra come te si te ciapavi sempre l’ascensore
gnanca te o gavesse ordinà el dottore
ma un di el se ga blocà
e tanta paura te ghe ciapà
nonostante ciò no te si cambià
e e scaee gnancora te ghe affrontà

Giulia dice a sincera verità,
a patente, la ghetto comprà?
co ti a ze sempre un’avventura
ma ze d’avere tanta paura
tra rode, murette e cancei
ze da metarse e man sui cavei.
Ad ogni modo se za na grassia co ti rivare
visto che a benzina no te ve mai fare.
Viaggiare te ze sempre piazuo
forse parchè el conto no ze mai sta el tuo
da Piombino in giro pal mondo te si voeà
ma quanti dani che te che combinà.



FRASI CELEBRI:

Io non me lo metterei mai /Sarà mica figa quella
Ho pestato una merda / Non ho soldi / Sono in riserva
Mi si è spento il telefono / Zio porco / Ho sonno
Io non faccio niente / Mi daresti qualche soldo
Pagatemi la membership / Cioèèè, vuoi mettere
Mi hanno fatto il malocchio sicuro

SI RINGRAZIANO:

la main sponsor: La Pats; Ricky e Sergio per la pazienza;
nonna Anna per le mancette; Ettore per le accuse;
il corriere di Bartolini; il moro di whatsapp;
Anna, Nico, Elisa, Riccardo, Manuel, Silvia,
Isabella, Ludovica, Gianmarco, Giovanni, Antonio, Mattia;
cibo take away e preconfezionato; Rio mare;
Smokies e i vetrini rotti; il cinese aggiusta Iphone.