Papiro: testo, rime e ringraziamenti

Ringraziamenti di laurea, testo del papiro, esempi di frasi in rima, frasi divertenti.
Codice: ZojITQbTKYW



Facoltà di Medicina e Chirurgia

INFERMIERISTICA

è dottoressa in

99

INFANSIA
Graziano e Annalisa na sera in camporea i xe ‘ndà
E lì tuto xe scumisià.
Voja de vedare el mondo te gavevi
Che vegner fora presto te voevi
(pa’ ringrasiarli bevi).
Da bocia no te voevi mai magnare
E a to mama a “cicci” ghe tocava sempre cusinare
Magretta te si sempre stà
Che do stechi al posto de e gambe te ghe sempre sfoggià.
To fradeo te ghe soeo che da ringrasiare
Pa tute e volte che el cueo te ga fato parare
En palmo de man te ga sempre tegnuo
Che grasie a lu tanta gente te ghe fottuo.
Iera divertente dormire dai to noni
E pasare i capodanni lì co tuti lori.
In te un tavoin picinin i te faseva magnare
Soeo e soltanto pa non disturbare.
To pare tanti foghi el gaveva
Che un baffo ai cinesi farghe el poeva
Tanto Edoardo el te saltava sempre dosso
Che voentieri te o garissi butà xo pa’ un fosso.
Eo el voeva sempre limonarte
Ma ti pa evitarlo te o menavi co tanta arte.
Tanto timida te si stà
Ma na bronsa coerta te si diventà
Che tante robe te ghe sperimentà.

SCOEA
Ai primi anni de e superiori te gavevi voja de sperimentare
Che i cavej rosa te ghe voesto fare.
Te gavevi anca un altro bruto vissio
Queo de metarte el mascara blu come se fosse un sfissio.
Poca strada a pie te gavevi da fare
Che libri anca par n’altra te gavevi da portare.
Savemo de chi semo drio parlare
Xe a stessa che quando barufavi el banco gavevi da stacare.
L’inglese te ghe studià
Ma gnanca co te si ndà Londra te o ghe imparà.
En te na casa-fameja de merda te ghe dovesto stare
Ma de sera de nascosto te riussivi sempre scapare.
E a a fine dei sinque anni el grande momento xe rivà
Che xe sta ora anca par ti dea maturità.
Co a to compare al Mc Donald el di prima te si ndà studiare
Parchè l’ansia non ve voeva abandonare.
Tuto sommà non te ghe fato tanto devasto
Ma co a to amica Chiara te ghe ne ghe combinà un pasto.

VACANSE
Da picoea in volta pa’ i campeggi i te portava
Ma a ti a vita da singana no te comodava
Nel 2014 a Grossa te te si fata portare
E soeo qualche dì te gavevi da restare
Ma via no te voevi pi ‘ndare
E soeo dopo un mese casa te ghe voesto tornare.
A patente ancora no a ghe iera
E quindi in volta in bibicleta ierimo dal matin fin sera.
Fora so e scae dell’Arianna fin tardi ciacoeavimo
E a mexanote la pasta al pesto magnavimo.
Al Pride te piaxeva tanto ‘ndare
Ma sopratuto in Villa Bonin te te faxevi sempre portare
(Perché gratis i te faxeva entrare)
BEVI SCROCONAAAA!
Co xe sta ora de tornare
Da to xio in stasiòn co la uno te te si fata portare
E intanto te pensavi: “riussiremo mai a rivare?”.
Da lì tante istà a Grossa te ghe pasà
E dapertuto co to cugina Vale te si ndà
In volta a te ga portà
E no parlemo de tute e volte che te te si inamorà.
Al poareto che fin Jesoeo un pasajo te ga dà
Gnanca un baseto te ghe ghe dà.
E n’altra vacansa da ricordare
Xe quea che a Kos in quattro gavì voesto fare
Gnanca un scheo fora gavì tirà
Parchè nell’hotel a 5 stelle a scrocco gavì sempre magnà

LE LUCI, BABBO NATALE, I SASSI…
Nell’isola di Rab tutto è cominciato
La miglior vacanza che nella vita hai scroccato
E se questi episodi ora possiamo raccontare
E’ grazie a Saio e Pit, che Alina han deciso di molestare!
Bionda e occhi azzurri dicesti di essere svedese
Facendoci rizzare sempre di più il cazzo
Ma quando capimmo che non parlavi inglese
Dichiarasti: “Sono metà Milanese e metà di Gazzo”





Il feeling che si instaurò fin da subito molto intenso
E andammo a ballare in un posto disperso
Tra alcol, musica, stelle cadenti e limoni
Tornammo a casa camminando a penzoloni
Dicevi di avere fisico, ma era una cazzata!
Dopo Pag ti addormentasti sulla ciambella, spiaggiata!
Con gli occhiali da VIP, ti sentivi una velina
E quando ti lavarono iniziasti a ridere come una CRETINA!
Questa cosa imbarazzante la dobbiamo raccontare
Per capire se esiste una cura ufficiale
Dalla bocca al culo hai un tubo lineare
E subito dopo i pasti devi sempre cagare
Ma la cosa bruta
Ce l’ha confidata una sopravvissuta
Che doveva per forza farti compagnia
Rischiando di morire per asfissia
Si sa che l’aria di mare mette appetito
E agli hamburger è difficile rinunciare
Tornata a Gazzo Annalisa ti ha scalfito
Dicendo: “Non ti ho mai visto così tanto ingrassare!”
Cosa c’è di bello a Vicenza?
Le luciiii, Babbo Nataleeee, i sassiiii
Ma la cosa che ti è rimasta impressa nel cuore
È la grandezza dei nostri CA…MPARI!
Ed ora eccoci qui a festeggiare il tuo traguardo
E la cultura veneta vogliamo divulgare
Ce ne freghiamo che sei in ritardo
A noi basta vederti sboccare!
E cantare:
“DOTTOREEEE, DOTTOREEE…”

PASIONI
E xe sempre a stesa storia
Par i pie te ghe na gran paranoia
Non dixemo cosa che te combini
Te i spulci, pori i to piedini!
E desso che xe na nova invension
A maschera pa i pie, che rivolusion!
A quatro anni te ghe tacà dansare
Ma i brassi e le gambe non te si bona de coordinare
Co xe ora de concorsi e saggi xe come na magia
E tuto su un colpo te diventi ammutolia
A la Ciancio l’acqua te ghe a bevi sempre tuta
Prima o dopo finirà co na baruffa
Co no te ve al The Brew a casa sua te piaxe pasare e serate
Ma co i discorsi seri te te indormessi, par ti le xe tute cagade!
Te piaxe tanto far pipì davanti ae machine in strada
Dime ti se no a xe na macacada
Pal ciocoeato te ghe na grande pasion
Te magnarissi sempre geato a profusion!
Da bere non ghe ne parlemo
O savemo che te drinchi tanto Montenegro
E desso che xe ora dell’istà
Par l’Hugo del Bar Italia te te si abonà.

AMORI
Co i to amori savemo ben da dove tacare,
Quattro anni sempre el stesso te ghe dovesto soportare.
Dopo de queo no te si mia stà massa fortunà
E no uno, ma do toxi che spussava te xe capità
Prima col PC na bruta esperiensa te ghe vudo
Parchè lì sotto no ‘l savea mia massa profumo
Dopo xe tocà al secondo
Che co el se cavava e scarpe te pensavi “e desso dove me scondo?”
Magari el problema fusse soeo stà queo
El fato de essar massa veose jera n’altro so neo
Poco tempo fa un padovan te ghe conossuo
Ma tuto xe finio co na palpada de cueo

CONCLUSIÒN
Anca dal Veneto te tendemo
E tuto queo che te fe savemo
Par dimostrarte che xe vero
Te contaremo un ultimo episodio sincero
De frasi celebri e ringrasiamenti non metemo niente
Parchè tanto da voialtri il papiro non xe na roba ricorente.
Non tanto tempo fa na figura de merda te si riussia fare
Che scondarte te voevi ndare.
Su Instagram la Samantha te voevi scojonare
Ma a a fine a ti a figura de merda te ga tocà fare.
E desso te poi anca ndare in lutto
Parchè tanto ormai te ghemo sputanà del tutto.
Fin qua te ghe leto tutto in rima
E desso te si pi inseminia de prima!
DOTTORE, DOTTORE…


Università degli studi di Milano-Bicocca