Papiro: testo, rime e ringraziamenti

Ringraziamenti di laurea, testo del papiro, esempi di frasi in rima, frasi divertenti.
Codice: Wpgi0jhqXwL



Università degli studi di Ferrara

Facoltà di GIURISPRUDENZA

GIURISPRUDENZA

è dottoressa in

FRASI CELEBRI

LA FAMIGLIA

“perché a Coppola non gliele mette in culo nessuno”
“daiii”
“te me fe morire”
“dai, dai, dai”
"cucci Minnie amore di mamma"
"il Trillino!"
"solo per questa sera poi da domani faccio la dieta"
"che cottura vuole della tartare?"
"finchè non entro in Tribunale mi diverto"

Cesca, Chiara Numero, Minnie, Trilli, Tina, Coppola, l’uomo con la motosega, l’esorcista, prof. Destro, prof. Giuliani, i bambini coi carrettini, Franchino,
Alessandro, Elia, l’autista barbone, la tua Lancia Y, lo specchietto della jimny, il budino di Torreglia, la Clio, la tua chitarra, la lavagnetta, il Baccanale,
Fedez, Chiara Ferragni, Angelina Jolie, la tisana allo zenzero



IL "BACCA"

SE NE SBATTONO

20 Maggio 2019

Nà sera de Gennaio, par festeggiare el novo anno, Giovanna e Valerio
se dava da fare fino all’affanno. Ma la fadiga veniva ricompensà, parchè
da lì a nove mesi nà fioeta saria rivà. E fu cusì che el dodese de ottobre
naseva la Elisa, nà bambina pitosto decisa. So sorea voea tanto nà soreeta,
anca se la prima volta chea gà vista ea gà pensa “che bruta stà toseta”!
Ma da subito ea se faseva tanto pì beeta, e tutte le veciote chea incontrava
e ghe di diseva “ma che bea stà fioeta”! Ea e vardava e nà scarpà in tee
caece ea ghe moeava. Cresendo e bone maniere ea gà imparà, ma in fondo,
in fondo nà ascareta ea sé sempre restà. Su paea scarana ea se rampegava,
e ogni volta ea testa ea se spacava; Dentro ea corente i dei ea impirava, e nà
scaveiara rissa ghe restava. Ma co chel visetto da angioetto ea nascondeva
ben ea so anima da animaetto. E ingiustisie no ea sopportava, e sa a
giurisprudensa ea aspirava. Tutti sa che l’avvocato ea farà, parchè furbetta
ea se sempre stà, e co un sorrisetto ea te gà sa ciavà. Infatti ghè bastò dare
un basetto al so vecetto par ottenere el so primo cagnetto. Cò l’arivo dea
magiore età un pericolo pai ialtri ea se deventà. Parsin l’istruttore de scuoa
guida la gheva avvisà che tempo do mesi la gavaria sbarà, e cussì se stà!
In te nà rotonda ea pora Jimny ea gà desfà e so papà un triciclo ghe gà comprà.
Ma no a se ia finia qua! Dopo un fià de tempo coi tatuaggi ea gà scumisià
e ea se gà tutta scarabocià. Al biologico dopo ea sé passava,
ma de scondon un camion de potaci ea magnava.
E dopo del biologico no podeva mancare l’ecologico!
Ea gà fatto cussì nà mania che gnanca pì ea se lavaria!
Ma aea fine se poe sopportare ogni cosa, parchè ea sé sempre
tanto bona e generosa. Ea so fameia tanta pasiensa ea gà sempre
portà, anca se deso ea pararia ricompensà…..

LA CESCA
Quando che te si vegnù a Granze un’amiga nuova te te si catà
e dea Cesca no te te si pì disfà,
insieme te ghe ne fatte de crue e de cotte
coi pomeriggi a fare i giri in bici e a ciaparte botte (no xe vero, però fa rima), (BEVI)
coe sportine ai piè te ndavi in mezzo alo stagno paludoso
e te fasevi finta de essere in eplorazion in te un luogo misterioso,
i film horror insieme te piaseva tanto gustarte
e cussì in casa dea Cesca insieme te ndavi a vardarte,
da Coppola e i so “Dio bono” all’omo coa motosega
te te lustravi i oci e intanto no te ciapavi neanche na tega,
ae sagre de Granze e Stanghea coi to amici te ndavi
e in tei autoscontri te te le ciapavi,
dopo le longhe mattinate al liceo Paleocapa al pomerijo te te mettevi a balare
“Chaiyya Chaiyya” iera una dele to canzoni che tanto te faseva el cuore agitare,
le mattinate a scuoea con la Destro e i putini coi carrettini
te faseva tanto ridare che in banco coi to compagni te comunicavi coi bigliettini.
La Giuliani te gaveva trasmesso el so amore par la matematica
e infatti no te ieri tanto pratica,
ma ghe pensava Francesco a distrarte
che pa un periodo el xe riuscio el cuore a ciaparte (biricchina).
Le fredde mattinate de inverno ciapare la corriera no iera tanto de to gradimento
e la Giovanna te portava a scuoea in macchina riuscendo in tel to intento,
a scuoea te ghe portava anche to upà tanto spesso
e durante el tragitto el te diseva “Comunque vada, sarà un successo”.
El tempo all’immemore liceo P. Paleocapa passava
ma la to passion para la fotografia no la se smorzava,
sempre te piaseva farte far fotografare
e in giardin in mezzo ae lontre te voevi ndare,
che fosse inverno o istà poco te importava
sempre in vena de far versi, un’energia te dominava.
N’altra to passion jera el mitico Dj Franchino
che col so ritmo el te faseva spinzare l’acceleratore del to Lancino,
“Oh come è bello andare sulla carrozzella” el cantava
e con le so parole el te trascinava,
tanto che st’istà te si ndà a vedarlo a Sottomarina
ma po te ghe pensà che forse jera mejo assarlo in tea so carrozzina.
“I tuoi occhi sono come fare abbaglianti ed io ci sono davanti” te ghe disevi a Mattia
che par un bel periodo el te ga trasportà via,dopo la maturità ad Agosto al mare a Jesolo con le to amighe te si ndà
e una notte in spiaja a dormire Ridvan el te ga portà (BEVIIIIII),
feste, festoni e festini in discoteca a balare e la techno se stà na to fase
e intanto coi to amighi te te divertivi tra serate a zugare in casa e altre a far casin al Baccanae.
Casini con ea Cesca, Emanuele, Cri e compagnia bea te ghe fatto
e tra un dì e l’altro l’università se scumizià e te ghe portà avanti de matto.
Dì e notte in casa a studiare te stavi
parchè el Magistrato dala testa non te te cavavi,
la Cesca in Inghilterra tante volte la te voeva portare
ma lo studio te ga sempre fatto rinunciare,
speranzosa la te dise che la te spetta direttamente là fra un fià
e stavolta pi scuse da catare fora ti non te gavarà.


Tanti ani fa ormai, forse stufa del far gnente te ghe deciso de
trovare un laoretto chel te faxesse stare in meso aea zente. Al Baccanale
a fare ea camerièra te sì finìa chi eo gavarìa mai ditto che no te voessi
pì ‘ndare via? El to coloquio paa’ entrare nel staff el xè proprio da ricordar,
aea domanda de Richard “hai esperienze lavorative da raccontare?” Ea to
risposta xè sta’ che sì, soitamente te ndavi rancurare i peri d’ista’;
Disemo che questa no iera proprio ea mejo risposta però se pensemo
che rancurare peri xè quasi come rancurare biceri. Eora podemo anca pensare
che co sto laoro onesto. Richard de asumerte te ghe convincèsto;
Na domenega de laoro na soa idea te gavevi in testa, te voevi ndare a vedare
l’alba e anca a fare festa. Ea Vero e il Buon Caste, i unici che te gà scoltà.
E che finio de netare ae 2 de notte in machina tua i xe montà; Te voevi un rave
pà pasare ea nottata, ma aea fine el Muretto de Jesolo xè sta ea scelta
obbligata. Quando che finalmente tutti e tre si rivà na bea biretta calda
ve si stappà; Ricordemo che chea sera te ghe visto un spettacolare evento
un imbriago mato corare lento senza che i amisi eo vedesse el fosso pien
de melma el voeva saltare. Ma, ea so “impresa fallita” ne gà fatto imboressare.
Parfin in discoteca ea majieta del Bacca te ghe tegnesto, e come na matta te
ghe balà fin matina presto infine in spiaia a sì rivà e l’alba dall’inizio aea fine
gavì vardà. Grasie Eli par sta esperiensa spettacolare, che soeo una mata come
tì poeva imaginare; Ea to paxion pa ea dieta in sti anni te ghe sviuppà e tuto
queo che da magnare el fa mae te ghe evità. Anca se ea costansa in te sto
caso no ea xè to amiga. E capita che te magni talmente tanto da slaciarte el
boton dea braga. Se in te un momento te piaxe ea salata scondìa e ea
bistechetta, aea fine a Marco Donà te ghe domandi sempre se del dolze el ga
vansà na fetta; Quando che po' te ghe domandi ad Albertino se el te fa da
magnare eo el sa xa cossa che el ga da preparare: pizza co salamino funghi e
quattro formaji, co impasto al carbon che dopo in bar se sprigiona spussa in
ogni canton; Pa no parlare dea fame che te vegneva su quando che te moeavi
da lavorare te ne ghe confessà che torna casa soeo na roba te voevi divorare:
un cotechin precotto, anca intiero teo magnavi, co queo ea to fame infinta te
soddisfavi; N’altra bea storia gavarisimo da racontare sempre dovua a na
trasferta del Bacca al mare coea Ele e ea Gio via te si nda’ e dopo ea consueta
camminata l’aperitivo gavì scumisià; Ea Ele ea gaveva fatto l’americano par
brindare, ma in te un momento pì veoce de i altri el to biciere te ghe fato sugare;
Da lì ea baea co poco ea xe partìa e de ridere e fare ea simpatica no tea ghe
pì finìa; Ricordemo che tutto el accaduto el iera acompagnà da roba da te
ingurgitata: un sacheto de patatine, un pomodoro cruo, ton, pesche, un geato,
el toast e parfin na cotoetta xè tutto queo che ea Ele se ricorda de chea giornata;
Caveji biondi e oci azuri, quasi Candy Candy te pari infatti te ghe rubà el cuore
de tanti uomini ignari: come Aku, solo el pugnetto te ghe gè concesso, e il buon
Nik xé el unico a cui te ghe gè da el “libero accesso”; Battute fuori luogo e
fraintendimenti, ogni tanto anca a laoro te ee presenti. Come chea volta che el
tipo de ea one night te ghe voesto comentare ma aea fine nol iera imbriago
come che te ieri drio imaginare; Nonostante tutto anca se xè pasà tanto tempo
da quando che te ghe scumissià, semo uncora contenti de averte qua Perciò
no podemo fare altro che augurare con un
“Congratulazioni Dottoressa!” una festa speciale!

Università

Aver intrapreso il percorso universitario è stato faticoso, per non dire un calvario!
Hai versato sui libri fatica e sudore, tra studio e lavoro hai passato le ore!
La tua puntualità è del tutto discutibile, arrivare in orario a lezione era impossibile!
I parcheggi non sono mai stata la tua passione, con tutte le multe pagate avresti
potuto comprare un villone! Tanti libri hai fotocopiato, di comprarli nemmeno ci hai pensato!
Degli appunti sei sempre stata una perfezionista, al punto che non scappava nemmeno una svista!
Talmente brava eri, da scaturire l’invidia dei tuoi colleghi. Le amiche dell’Università hanno cercato di aiutarti,
ma la calamita per i casi umani ha continuato a perseguitarti. Buona gentile sei sempre stata,
che qualche ramanzina in più non sarebbe gustata! Di essere bocciata avevi il timore, e ad ogni esame attaccavi
il solito pipone! Di non ricordarti nulla ti lamentavi, e con 30 poi te ne andavi! Ma noi ti amiamo anche per questo,
come quando hai avuto la mania del rossetto! Una Ragazza acqua e sapone eri fino al giorno prima, ma patita del
rossetto ti sei svegliata una mattina! Tisana e mandarini a merenda miglioravano anche la lezione più tremenda.
Un bel giorno ci hai stupito, con un odore non tanto gradito.. un’aroma di aglio si è sollevato dal tuo termos così
tanto amato! Uno stile di vita salutare hai deciso di adottare, ma alla nutella non puoi rinunciare... bello ripieno
volevi il bombolone tanto da fartici un gavettone! Ma cara Elisa, anche se ormai sei dottoressa, rimarrai per sempre
la nostra principessa!

Quando ca te si ndà a lavorare al Baccanae no te savevi in che guaio extracomunitario te ndavi a parare,
subito Nick el ghe gavaria provà ma dopo ea fadiga del gommon non el voeva rischiare con to papà
che con un volo indrio lo gavaria fatto tornare, dopo pochi dì de sbacciucchiamento si ndà in montagna a sciare
e in tea rete te te si ndà a ingarbugliare, in tea crocierà el te ga portà
e quanti mobili gavì montà, ignara del pericolo in vacanza el te ga portà
e lì i teroni ve ga ciavà e i vostri papà gavì ciamà, anto ben Nick el stava che anca la moto el te gà prestà e lì te te si remenà,
anca l’aereo ea prima volta te ghe ciapà da quanto sfigà che li un incolpevole musulmano gavì stalkerà e
dopo denuncià, Con Nick notte e dì te stavi e quante scoreze che te moeavi! (BEVIIII),
a velocità te lo ghe voesto sfidare ma contro la fisica te te si ndà a remenare (pa ea prima volta el ga visto un go-kart rodoeare).

EL PORO NIK

Ricordi ancora quando al primo anno i pomeriggi non passavano mai? Le ore erano lunghe e solo una cosa poteva aiutare,
i tuoi snack magici ma uno in particolare era la sola salvezza, lo indovinerai? Allora un indizio ora ti diamo, era assai piccolo ma nutriente,
l’intelletto poteva ricaricare. Il famoso parmigiano reggiano appare e disegni e frasi negli appunti gli vengon dedicati, il suo potere è talmente
forte che la lezione perde interesse e solo loro verranno ricordati. Per la noia ulteriore svago bisognava trovare e se lui non bastava nuove
mode bisognava provare, la sobrietà non è mai stata presente, un tocco di classe e trash non poteva quindi mancare.Correva l’anno 2014
quando essere influncer ancora non era di moda e facebook regnava sovrano, le foto, i post, le richieste di candy crush saga erano da noi
attivamente rese in primo piano. In quel periodo una canzone fece la sua comparsa, #selfie era il suo nome, col suo ritornello “let me take a
selfie” divenne un tormentone.Potevano quindi mancare i selfie più truzzi e più imbarazzanti della storia? Ovvio che no. La classe 3 come set
era perfetto, le note uscivano dal player, lo smartphone già all’avanguardia, e via a comandare con selfie a non finire postati poi su instagram
da vera ribelle e visionaria. Quando eravamo giovincelle, cara Elisa, metodologia era ancora qualcosa di mistico e sconosciuto.
Correva l’anno 2016 e in un caldo pomeriggio di primavera eravam intente a fotocopiare, una figura fece la sua apparizione ed era il prof Maestr
in persona, chi l’avrebbe mai detto, aiuto! Egli con voce solenne e solerzia ci richiamò perché la lezione stava per ricominciare.
Noi anime innocenti continuammo a chiacchierare come nulla fosse accaduto, il prof con voce tonante ci disse “allora volete sbrigarvi?”
stando sulla porta con fare sostenuto. Perplesse capimmo che ce l’aveva proprio con noi, ci girammo con uno sguardo ancora smarrito,
la voce era tremante e uscì “siamo solo al 3 anno. Per noi le sue lezioni son solamente un mito”. Egli ci guardò nuovamente agitato e dubbioso,
attimo di silenzio imbarazzante e interminabile, si girò e con gesto teatrale richiuse la porta dietro di sé rendendo la scena memorabile.

Università

Mi e ti non se conosemo da tanto ma quante ghe ne ghemo fato.
Vojo comisiare col dire che inisialmente te me stavi in te i cojoni ma poi go capio che non te si na
gran rompi maroni. Ti te ami ndar baeare e divertirte come mi, ma con l'università e il lavoro
al baccanae in gabbià te jeri stà e fusa te ieri diventà. A pasion pae moto ne ga portà a essere
amiche e a ndar in giro a fare e fighe su na sea larga do pie. El cueo jera sempre macà ma troppa
jera a voja de corere sempre pi in là. Anca se a guidarle semo dee mese pipe so sicura che e paje
ghee demo anca a Nico col triciclo. El to sogno ze queo de diventare na brava magistrata. Sappi za
che un colpo in banca vojo fare e ti el me de drio te dovaré salvare. Un gran traguardo te ghe ormai
raggiunto. Davanti a ti el percorso ze ncora lungo ma a determinasion e a caparbietà ze e to armi
par far de tutto. Vai e spacca el mondo, te si na forsa dea natura e fora come na anguria.
Te auguro tuto el ben faghene de pi de queo che te vien.

LA GIULIA

Aku, i dolci di Marco Donà, i completini su Shein, le treccine da Cicciolina, Nadir, il cantante (sbagliato) dei Damien, to sorea, el dominus che te torà….

RINGRAZIAMENTI