Papiro: testo, rime e ringraziamenti

Ringraziamenti di laurea, testo del papiro, esempi di frasi in rima, frasi divertenti.
Codice: MGxFWqBq9Mx



UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA

economia E MANAGEMENT

oggi 13 Marzo 2019

è dottore in









13 marzo il giorno tanto aspettato
quest’oggi finalmente la laurea ti ha abbracciato
potremmo ora allegramente brindare
anche se prima di te dobbiam parlare

Da quando sei nato
Al biberon ti sei attaccato
E quando tutto il latte finivi
Un bambino felice apparivi.
E da quando i primi passi hai fatto
ti divertivi come un matto,
con quelle file di scarpe e macchinine
che a momenti la Manu facevi impazzire!!!
A star fermo non c’hai mai pensato
e a tutti gli sport ti sei dato,
Con gli scii facevi il gran botto
mentre se la rideva il maestro Otto.

Nel tuo palazzo ti divertivi
A suonare il campanello dei tuoi poveri vicini
Che un giorno ti han sgamato
E con la scopa ti han cercato.
Dei fumetti ti sei sempre interessato
Tanto che la camera hai inondato,
erano tutti di Topolino
ed hai rischiato di far impazzire il tuo gattino (se li vede nerone...)
e talmente fiero ne andavi
che a tutti gli amici li mostravi.

Di uscire poche volte ne avevi voglia
Della tua camera non varcavi la soglia
e le volte che scendevi con il pallone
si organizzava la partita con il ticcone (matteo ti vogliamo bene)
che di calcio ne sapeva poco
ma dar calci era il suo scopo...
qualche litigata è fioccata
ma l’amicizia non si è mai rovinata.

Ed eccoti all’Einaudi arivato
Con Granziero grandi giornate hai passato

Tra giochini, scherzi e barzellette ti sei dilettato.
I pupazzetti ti portavi
E a Pellegrino (l’unico prof con il riporto hahah) li mostravi,
molto fiero sopra il banco in prima fila li mettevi
tanto che il prof con gli occhi li ammirava,
e una nota te la fioccava.

Spesso il filo perdevi
E la Broetto spesso temevi
sempre pronta a sgamarti
Ma in qualche modo te la cavasti.
Ogni tanto la cattedra veniva calciata
E tu pronto a girarti (verso di Giacomo) per una risata.
Di giochini ne hai fatti tanti
E con Gallo non riuscivi a fermarti,
la sfida era sempre aperta
e quante volte ti han fatto perdere la testa.

Dalla Migliorato andavi
E il gessetto polverizatto le davi
Chiedendole se ne voleva un po'
Perché la “roba” buona era il top,
e lei impaurita ti minacciava
di una nota scritta per questa bravata,
e in corridoio tu la lanciasti
e un a striscia bianca lasciasti,
e non tardò ad arrivare la bidella
che da quanto era arrabbiata le uscivan le budella
ma tu nascosto stavi
nel corridoio disinvolto che guardavi.
Poi finalmente quel giorno è arrivato
E il diploma ti han tirato....

Da piccolo portavi occhialetti assai bruttini
ma i tuoi veri amici comunque ti son stati vicini
Nel tuo carattere non era presente tanta “garra”
tanto è vero che con Schinezos suonavi la chitarra
La tastiera del computer era la tua dottrina
infatti le dita delle mani sembravan “fatte” di cocaina
Poi con il tempo sei cresciuto e qualcosa hai cambiato
ma nello stile sei rimasto negato.
Hai preferito clash of clans alla vagina
Chissà quando troverai la tua regina
Alla figa non c’hai mai pensato
ma a Fifa quanto cazzo abbiam giocato?!

Della salute non te ne è mai importato
ricordi dietro l’argine quante sigarette abbiam fumato?
Prima o poi verrai ricoverato
Strano che quel momento non sia ancora arrivato
Ora parliamo invece di una vacanza
Durante la quale non hai fatto nemmeno un passo di danza
noi nella pista ti spingevamo
ma sei sempre rimasto con le mani in mano
e nonostante noi ti abbiamo sempre spronato
tu un limone non l’hai mai dato.

Una sera con i francesi tu e Gian avete parlato
e alla fine mezzo grammo di erba vi hanno regalato
nemmeno il tempo di fare due tiri
che Giacomo dalla finestra diceva “bravi cretini!!”
A causa delle serate, in spiaggia poco siamo andati
e dalla Croazia tutti bianchi siam tornati.

.... e “FV16” ti dice niente?
mentre i tuoi amici la palla nei rovi cercavano
tu ponato sulla sabbia te ne stavi con la cicca in mano
In acqua c’hai sempre tanto sguazzato
infatti pure i chevapcici con l’acqua hai cucinato
(e quanto ridere quando Giacomo è schizzato)
L’ultimo giorno pochi viveri son rimasti
e l’unica idea che ti è venuta
è stata, con acqua (10%) e Nesquik (90%), di farti una gran bevuta

Quando a Pag tutti erano a coricare
tu sereno e tranquillo in veranda a giocare
Clash Royal troppo concentrato ti teneva
e la porta aperta rimaneva

e mentre un grande tuono entrava
(sempre) Giacomo assonato urlava

L’università era il tempo di frequentare
E chissà in che città era il caso di traslocare
Tra la nebbia hai allora deciso di andare
Così Ferrara hai imparato ad amare.

Con i terroni il tuo tempo hai passato
Diventando il +1 di un gruppo sfrenato
Nessuno si spiega come sia stato possibile
Alla fine i nostri dialetti hai imparato... incredibile!

Durante informatica un certo Scipione hai conosciuto
e da quel momento una litigata ogni minuto;
La casa napoletana le prime serate universitarie ha fatto iniziare
finché la polizia alle proprie case ci ha fatto accomodare.
Il wc di quella casa ti attraeva
E grazie al tabasco lì dentro ti tratteneva;
“Mi brucia il culo” ci avevi detto
oh mamma mia, POVERO GABINETTO!
La spesa è sempre stato il tuo hobby
le buste ai lati del manubrio erano sempre gli addobbi.
Dopo una gran cena una tazza di latte bevevi
e i tuoi amici non riuscivano a capire come facevi.

Da buon veneto l’alcol hai sempre amato
E con la tua risata ubriaca ci hai affascinato
Bere in tua compagnia era sempre un piacere
Dato che per primo finivi il bicchiere
E non contento di quanto bevuto
Da buon veneto alzavi il livello e ci hai sempre fottuto
Le minacce di spoiler solo tu potevi fare
Perchè nel mondo delle serie ci volevi far entrare
Ma la tua onestà non ti ha fatto rivelare mai niente
Anche quando l’alcool ti rendeva meno “efficiente”
Sei sempre stato un gran goloso
e un pò di tempo l’hai passato in sovrappeso
finche non hai deciso che gli zuccheri della coca cola erano da allontanare

e che il tuo corpo dovevi allenare.
La doccia prima di andare in palestra e non dopo
Ancora non si è capito a quale scopo
ma con la forza e la grinta che ci hai messo
ora sei per davvero l’emblema del sesso.

I tuoi coinquilini li hai fatti impazzire
con le tue manie che sembravano non potessero finire
Maledetta quella sveglia strillante
Ogni mattina a svegliar la casa in maniera allarmante
Per non parlare dell’iPhone rinviato all’infinito
Continuava a suonare fin quando Gianluca non gridava avvilito
Quei “dolci” suoni erano diventati sottofondo dell’altrui studio
Alessio, Claudio e Gianluca stavi portando al suicidio
Dormire tutto il giorno è la tua specialità
Grazie a serie tv guardate la notte fino alla sazietà
L’ipad è il tuo fedele compagno di vita
Ma Federico..mai che ci presenti la “zita”

Hai sempre amato cucinare
peccato che le tue pietanze facessero cagare
eri l’unica persona al mondo che cucinava
mentre era in veranda e le sigarette fumava
ma i tuoi coinquilini non si stupivano
che il risultato fosse così malsano
Tutte le schifezze sulla terra hai provato
E alla scienza, che si può sopravvivere hai dimostrato

Di serie tv, fifa e cibo ti sfondavi
Ma alla fine del tempo per lo studio trovavi
La notte in cucina sommerso da libri passavi
E l'indomani mattina (?) alle 2 ti alzavi
Con claudio a fifa te la sei giocata molte volte
Ma alla fine le sconfitte erano troppe
Tu lo sai bene che lui è il migliore
E spegnere la Play era l’unico modo per porre fine al dolore
Nonostante ciò con la tua risata l’allegria portavi
Ogni volta che dalla sigaretta post Fifa tornavi

Il calcio è sempre stato il tuo sport amato

Tanto che la Juve hai sposato
Poche cose ti si potevan dire
Altrimenti le pene ai tuoi amici nordici facevi patire.
C’era sempre una ragione pronta
Per difendere quella squadra onta
Che a calcio giocava poco
E di ladrare era il suo scopo.
Fortunatamente a ferrara con i tuoi amici ti capivi
Avete sofferto e gioito ad ogni partita che con loro guardavi
Però Lovi...quante volte ci hai provato
Per vincere quelle schedine che tanto hai studiato!?
Quante cose avresti voluto comprare
Con le vincite che però vedevi sfumare

Studiando diritto pubblico il cuore di un’altra ragazza hai rubato
e infatti “Cricetino” ti ha soprannominato.
Quel coglione di Pini il trenta e lode non ti voleva dare
ma per fortuna con il tuo caratterino non ti sei fatto fregare.
La tua timidezza ci ha sempre colpito
E pure Carlo Mayr hai ammutolito;
Durante la notte gli esami studiavi
facendo l’alba fino al domani!!
L’esame alla fine lo facevi
ma stressando i tuoi amici con le mille domande finché non te ne convincevi.
L’esame di organizzazione doveva essere superato
Nessuno pensava che ti saresti mai laureato!

Da oggi il mondo avrà un nuovo dottore in economia
Federico Lovisetto, il padovano più “terrone” che ci sia.
Adesso tutti insieme dobbiamo a te brindare
E tu la bottiglia devi svuotare!!

SI RINGRAZIANO:
Claudio e Gianluca per aver sopportato le infinite domande
La playstation
Fifa
Coca cola (ora 0)
My protein
Il tabaccaio
Just It
Clash Royal
La batteria del i’Phone
Pandoro
Sky (tarocco)
Suzuky Ignis (non so se sia giusto)


SE NE FREGANO:
Piazza San Carlo
La sedia in veranda
Stefano Zambon
La Apple



FRASI CELEBRI:
A scemoo
Attia tu
Ma ma ma
Mi fumo una sbronz
Se s n’amma scì sciamanìnn... (CONTINUA TU O BEVI)
Ma sei coglione






CONGRATULAZIONI DOTTOREEEEEE!!!