Papiro: testo, rime e ringraziamenti

Ringraziamenti di laurea, testo del papiro, esempi di frasi in rima, frasi divertenti.
Codice: 463682159



UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA

DIPARTIMENTO DI SCIENZE DEL FARMACO

è Dottore in Farmacia

Desso ve racontemo na bea storia
che no ea ze nata però in tea baldoria
ze ea vita de un tosato desgrasià
e tachemo da come l’è stà procreà.
Tutto ze nato a Padova in tea università
quando l’amore tra Gigi e Mery l’è sbocià.
Scritti ed “orai” i ‘ndava a gonfie vee
e iori insieme i iera pì dolsi del miee;
cussì, tra na ricetta e na “pastiglia rinvigorente”
i sperava che nasesse un puteo inteigente....
Tutta Piove jera in fermento
pa l’arrivo de sto gran portento,
Davide l’è el nome pa eo pensà
e tante aspettative el gaveva creà.
Za col jera in pansa el rompeva i cojoni
che pena nato so mare voeva darghe do s-ciafoni,
gioia e allegria popoare i se gà presto fermà
co i se gà incorti che l’è soeo un poro sfigà.
Anca so pare Gigi nol voeva vardarlo
e coa scusa del giornae a tre anni gà provà abandonarlo
el ghe gà dito "stà fermo qua che torno subito indrio"
ma tornà casa, sun de piansare eo gà ritrovà finio.
Colcossa però nel so modo de essare iera drio cambiare
e questo se gà manifestà a 4 ani col iera coi sui al mare:
el gà conossuo e zugà co dei novi amichetti
che però a parlare no iera proprio dei angioetti,
a bestemare purtroppo el ga scuminsià
e par zonta dea puttana a so mare el ghe ga dà.
(NON SI FA, VILLANO, BEVI!!!)

Ae elementari te ieri un toseto tranquio
casa-scoa-ciesa e visetto puìo,
i casini te i assavi fare a Mezzalana e Cataldo
invidiandoi un fià pal loro fare spavaldo.
Forti iera i dubbi che anca da picoeo te fossi recion
visto che soeo el voyeur te fasevi con passion,
Massimo toccava tete e cùi a tutte quante
e ti vardandoeo tette maciavi e mudande.
Deciso a provare qualche nova emosion
co Pippo ve sì toccà el cicetto mignon,
in camera tua, eo a ti e ti a eo
ecco ea to prima esperiensa co l'oseo.
Visto che ea situasion te gà entusiasmà
altri do amisi nea to stansa te ghè portà,
ea tessera video de to pare ze stà providensiae
perchè co Max Ale e Pippo ve si svodà e bae,
“DUE E' MEGLIO DI UNO” iera el film seezionà
e tutti insieme allegramente ve sì trastullà!!!
(racconta ea trama co imitazion dei protagonisti
coinvolgendo i presenti)

Nei anni dee medie ze maturà el nerd che ze in ti
e te zugavi al computer ogni santo dì,
Age of Empire iera stà el to primo amore
e sora te ghe passavi ore e ore.
In fameia i sperava che te fossi in chat co dee fighe
e invesse tette impegnavi a costruire città e dighe;
strategia e pianificasion ze ea to nova ossesion
pà fortuna, sempre mejo de un grosso tegon!!!
El zugo te trasporta talmente tanto
che te deventi na belva e te tiri zo qualche santo;
eo sa ben chi che zuga quasi tutti i giorni co ti
soprattutto el bocia de Andre che teo flammi de pì.
Non soeo coi videozughi el to nerdismo se manifesta
ma anca ogni volta che te parti co un discorso de testa,
Alberto Angela soeo de ti el poe avere paura
perchè te intorti tutti co ea to parlata sicura.
(TIREA FORA E FA VEDERE A TUTTI EA TEGA DURA!!!)

Quando scatta el momento Tolfo ze da preoccuparse
e tutti i se varda in giro pa tentare de salvarse,
ea musichetta de SuperQuark ze ea to coeonna sonora
e co no tette fermi te mandaria in mona anca ea suora.
Anca de istà a Lignano non tette fermavi
e tanti schei in sala giochi te sperperavi,
quando che a musina ea iera esauria
in casa ea partia a carte jera sempre imbastia,
contro to nona co Massimo ve coaizavi
ma in leto co na bastonada sui denti terminavi.
Na sera in giro pà Lignano sì ndà
e Livia co voialtri gavì portà,
tornare casa tanto tardi no iera previsto
ma l'orario, fin che ve divertivi, chi ze che eo gà visto?
To nona ea jera un mondo preoccupà
e na sberla a testa ea ve gà cassà!!!
A sta pora vecia tante te ghe ne ghe fatte passare
ma almanco n'altra ea voemo ricordare:
co Massi e Diego alla guida del Pandino
sì ndà a Lignano pa ea vacanza e qualche festino,
bei carichi e co l'adrenalina a mille
appena parcheià ieri za pronti a fare scintille,
coe vaise in man davanti al porton
tette si reso conto anca ti de essere un gran cojon.
Soeo na roba te ghevi da fare
ma a Piove te ghè assà e ciavi dea casa al mare,
da Latisana in pulman to nona fin là ea ze rivà
e un fracasso de paroe tette sì merità!!!
(BRUTTO ONTO BEVIIIIIIII!!!!!)

A un certo punto dea to vita tette sì ricordà
de avere un oseo ormai troppo trascurà
e soeo dea to man adoperà,
eora tette sì dito "ze ora de 'ndare a caccia de figa"
ma no te pensavi che costasse cussì tanta fadiga.
In zona industriae coa scusa del panin onto
te vardavi e puttane e te speravi in qualche sconto,

se il tempo però no iera dei pì bei
filmetto a Marcon e via eo stesso ancora schei.
In classe tua ae superiori de scelta ghe ne jera tanta
ma timido, tea ga soeo vardà tutta quanta.
Pa fortuna che colcossa te ghà riportà soa retta via
e qualche limonada dura ea te ze riussia;
no femo nomi pa non creare troppo imbarasso
specialmente a ti che non te sì riusìo a darghe el casso.
Emanuela non podemo esimerse da nominare
visto chea te gaveva completamente fatto sbaare:

da quanto che te ieri infatuà
in acqua col cellulare novo te sì entrà,
in te un hotel lussuoso a 4 stee tea voeva dare
ma ti “no no che schifo”, e a cussinade ve si messi a fare.
MAMA MAMA CHE RASSA DE RECION!!!!! BEVIIIIIIII

In vacanza co ti proprio non sé sè annoia
e de buon cibo e alcool se cavemo ea voia,
non sempre però te ghe ne vien fora san
raccontemo qualche episodio, ma lesi pian pian:
Col fogo tanto te piazeva zugare
che al falò in spiaia no te podevi mancare.
Tra na partìa a carte e na ciacoeada
chea sera iera meio farse na magnada,
ea fame forte ea se sentiva
e el to corpo el caldo pativa,
iera istà e ne serviva un fià de idratassion
cussì e bibite de Teo zé deventà na to passion
e vomitare al distributore na trasgression
(Dave vuoi del gin lemon?)

Zovani e spensierai pà Lignan semo partii
ora de sera pieni de birete ierimo finii,
te ieri rivà co e miiori intension
tanta iera ea voglia de svodarte i cojon.
Ea vicenda che ve contemo ea xe longa e tragica
che pa dirvea no bastaria gnanca na intiera pagina:
el primo giorno al mare semo ndai
dopo ore soto el soe semo tornai sfogonai,
non contenti dea scottatura che se ghemo ciapà
co na bea imbriagadura el quadro gemo coronà.
Te ieri agità pa ea grande seratona
che tette saresti fumà anca to nona,
el mojto fato in casa te voevi collaudare
e coa a machineta el giazzo te te si messo a tritare
biciere dopo biciere el mondo iera più beo
ea stessa cosa pensava anca el to picoeo oseo.
Coa tosa a un certo punto tette si appartà
e noialtri semi par tutta ea notte ve ghemo sercà,
ea matina dopo da to nona te te si fato beccare
e coe ciape al vento par poco no ea te catava a pissare.

El 2011 ze stà un anno formidabie
ee 2 vacanze ze stà una pì de staltra indimenticabie.
L'amico teron pà ndare a Corfù el gavea organizà
anche se dopo un bel pacco gà tirà,
za in tragheto e bresciane e se gà fatto notare
e par tutta ea vacanza teo ga fatto tirare,
ea Anna ze quea con cui de pì te ghe ghè provà
ma soeo coea man ea pansa te ghe ghè tocà.

Se de istà in Grecia a sbusa ze ndà
in montagna a Pejo ghe ze stà naltra oportunità.
Gajardo fu il teroldego e chi che seo ga bevuo
te jeri cussì imbriago che te sembrai svenuo,
chea notte te voevi zugare a scombriccio coe tose
e te ieri convinto de avere do grandi nose.
Fiero del to essare super dotà
una sfida alcoica ignaro del pericoeo te ghe accetà,
in mudande in mezo aea neve tette si catà
ma col fredo el to gioello se gaveva ritirà.
Ea figura de merda te ghè coverto abilmente
che ea tosa che te piaseva non se iera incorta de gnente,
pien de vin cantando De andrè in letto te si ndà
che dall'alto del leto a casteo par poco non te si cascà.

In vacansa in Croasia te voevi divertirte par ben
e in qualche buso te voevi infiare el to pen.
Se ndava vanti de birete e aperitivi legeri
ma dopo un po' te ghe ne gavevi do peri,
na sera fare el boto te ghe vossùo
anche se baeare Cheap Trills no teghe possùo,
eora a squarciagoa tette si messo a cantare
ma te ieri imbriago e no te se podeva scoltare.
Aea bottiglia de Anima Nera tette si tacà
el giorno dopo te jeri rabaltà!

Fin qua in tutte e salse te ghemo dito cojon
che te pari un padovan poenton
amico anale de un teron
ma soprattutto che aea fine te sì un recion.
Desso ze ora de essare un fià pì boni
e dire a tutti che noi i ze proprio sbaià i to ormoni:
con pì de qualcuna ben te ze ndà
e finalmente el biscotto te ghè puccià.
Vorissimo quasi quasi elencarle tutte quante
te inrabbito o el te sé tira su all'istante?
Giulia, Elisa, Erica, Silvia, Anna e ea Bruna
soeo pà nominarghene qualcuna,
bon de cuore a tutte te ghè donà el to seme
ma a iore ghe piaseva altri tipi de creme.
Te sì sempre stà massa bon e accondiscendente
forse ze par questo che ze finio prematuramente?
Leggenda narra che e se stà obbligae a moarte
parchè col te tirava no te ieri bon controarte,
el nero de whatsapp no ze tutta invension
in realtà te sì tì co te fè ea mutasion!!!!
Sarìa pì soddisfasion sta version pa tì
anca se te continui a far da soeo ogni dì.
Visto chea patata no te sì riussio a coltivare
almanco all'università in alto te dovevi puntare,
30 e 30 e lode te coessionavi a proffusion
ah ah ah semo drio torte pal cueo brutto pirlon!!!
In realtà no te ghevi voia de fare gnente
e piuttosto de ndare a lesion te stavi casa dea zente;
ea to materia preferia ze grattarte i maroni
condividere porno in whatsapp e farte segoni.
Finalmente ze ora che tette daghi da fare
e che te scuminsi sul serio a laorare,
teo giuremo, sta frase i tui non nea gà dettà
ma de sicuro molto intensamente ea gà pensà.
Vorissimo mandarte ancora a cagare
ma tutti insieme tachemo cantare:
DOTTOOOOREEEE
DOTTOOOOREEEE
DOTTOOOOREEEE DEL BUSO DEL CUL
VAFFANCUL VAFFANCUL!!!!!

SI CONGRATULANO:
Mamma Mery e papà Gigi, co ea speranza che finalmente te tachi fare colcossa de serio in tea to vita;
to sorea Livia che ea spera anche che tette fassi na fameia;
tutti i to parenti che i jera in imbarasso a domandarte ogni volta “eora, come và ea università? Quando ze che tette laurei?”;
il magnifico Rettore e i prof. tutti che i se ga rotto i maroni de vederte in giro pà l'università.
La casa produttrice della vasellina che co tì ea ghà fatto i schei;
tutti gli amicicci che no i vedeva l'ora de bere e magnare a sbaffo;
tutte e to ex che e gà provà a farte studiare ricattandote de non dartea;
i to cojoni che i spera de non girare più a causa dell'università

SE NE FREGANO:
Tutti i personaggi dea Marvel, Harry Potter ed Ermione; i bacari de Venessia;
tutti i siti porno, tanto anche se tette sì laureà, te continuarè a frequentarli; el Baffo;
el cinema a Marcon;
e bariste in minigonna del Capitan Morgan; i buttafora del Charlie; i to nevodi del Kursaal;
Nelson e tutta VG Mania; tutte e prostitute dea zona industriae de Padova

SI RINGRAZIANO:
Tutti i papiristi pal lavoro fatto; ea disegnatrice pà un ritratto perfetto;
e ditte de goldoni pà no averte fatto deventare ancora papà; el negro de whatsapp pà l'ispirasion nei momenti critici
e soprattutto tutte e to cagade che ne ga permesso de scriverte sto papiro

FRASI CELEBRI:
“Ciò ma te piase ancora ea figa?”
“Ara che te cago in tea federa”
“Te poi magnarme el cappeotto”
“Ciuccia qua”
"Ara che teo metto sù pal cueo"