Istruzioni per fare il papiro di laurea

Contattare gli amici

Può sembrare strano ma il punto di partenza è la divisione dei compiti.

E’ necessario un project leader che faccia da riferimento a tutti: sarà la persona che dovrà prendersi la responsabilità della maggior parte del lavoro. Possibilmente una persona di fiducia del laureato, qualcuno cioè che faccia da filtro e limitazione alle eccessive volgarità o monotonie del papiro.

Solitamente il papiro è scritto dagli amici dell’università:

  1. è necessario rintracciare la famiglia del neolaureato che avranno il compito di scrivere le prime quartine sulla nascita, le prime cotte, le prime esperienze, ecc.
  2. il secondo gruppo è costituito dagli amici del gruppetto del paese e fidanzata/o: il loro compito sarà descrivere la vita del giovane nelle serate, nelle feste, nelle vacanze, ecc
  3. infine gli amici dell’università che ovviamente si dedicheranno alla vita universitaria, le ore passate a studiare, gli svaghi, il carattere…

Mi raccomando di prendersi per tempo: appena sentite che c’è aria di laurea è bene mettersi in moto perché la stampa del papiro non può essere fatta fino a che l’ultimo non vi invia le proprie quartine!

Dalla mia esperienza le ragazze sono in genere più portate a fare l’attività diplomatica di raccolta delle rime (e questo non sarà l’unico complimento al mondo femminile in queste pagine..). Con la posta elettronica/whatsapp è tutto più facile perché non è necessario l’incontro fisico dei vari gruppetti famiglia-amici-università.